Se d’inverno il Mottolino di Livigno si pronuncia “sci” ecco che d’estate il secondo comune più alto d’Italia si toglie gli scarponi e inforca la sella della mountain bike

Il Mottolino di Livigno offre ai biker, oltre alla natura in sé e alle stupende aree nelle quali è possibile praticare una serie infinita di attività sportive all’aria aperta, anche uno dei migliori bike park d’Italia e d’Europa, frequentato e riconosciuto come eccellenza nel campo anche da grandi sportivi e campioni quali Thomas Genon, Tobi Wrobel, Sam Pilgrim, Steve Peat, Greg Minaar, Andreu Lacondeguy, Martin Söderström, Szymon Godziek e molti altri.

Nato nel 2005 a seguito dei Campionati mondiali di mountain bike che si tennero proprio a Livigno, il Bike Park Mottolino è un paradiso naturale per gli appassionati di downhill e freeride e intende celebrare i suoi dieci anni di vita offrendo il meglio ai bikers che lo frequenteranno durante il periodo di apertura, che nel 2015 corrisponderà a più di tre mesi, dal 13 giugno al 20 settembre ogni giorno, dalle 9.00 alle 17.00.

La foto mostra rider in action sui sentieri del bike park Mottolino Livigno

Il Mottolino di Livigno è tra i bike park più gettonati dai biker europei, ben servito dagli impianti di risalita ha un clima fresco anche nei giorni più caldi dell’estate. Foto di @Mattias Fredriksson

Sono molti gli spunti di grande interesse presenti nell’area del Bike Park Mottolino, andiamo a illustravi qualche numero per farvi meglio rendere conto della qualità e quantità delle offerte riservate ai ciclisti e non solo:

- dodici percorsi diversi, alcuni dei quali lunghi più di 4 chilometri, che si stendono dai 2.400 metri sul livello del mare giù, fino ai 1.800 metri dove si trova Livigno, percorsi fra i quali la recente novità dell’EAS23, pista adatta a principianti ed esperti, con pendenza media del 6% che offre ai primi la possibilità di imparare le tecniche di discesa e ai secondi un modo piacevole e veloce per raggiungere la North Shore;
- una Jump Area costruita in terra battuta e dedicata ai salti in sequenza, dotata di tre livelli di difficoltà;
- una North Shore, fra le prime in Italia e realizzata completamente in legno, in grado di offrirvi passerelle, ponti sospesi su corsi d’acqua e chiocciole, il tutto immerso nello stupendo sfondo naturale dei boschi;
- un grande Air Bag, struttura gonfiabile che è l’ideale per imparare nuovi salti o perfezionare le proprie tecniche in modo “morbido”, senza temere brutti atterraggi;
- circa 20 chilometri totali di discese per ore e ore di gran divertimento e sport all’aria aperta.

Una struttura del bike park Mottolino Livigno

Una struttura del bike park Mottolino di Livigno. Foto di @Ronnie Grammatica

Seguendo ormai un ottimo trend che negli ultimi anni ha visto sempre più interesse nei confronti della bicicletta elettrica, pedalata assistita ed e-mtb, ecco che in questo 2015 il Bike Park Mottolino avrà un occhio di riguardo per le mountain bike elettriche, con possibilità di noleggio presso Dr Rent.
Momento clou della stagione sarà la quinta edizione di Suzuki Nine Knights Mtb che si terrà dal 31 agosto al 5 settembre.

E ancora: telecabina, bike hotel, scuola Freeride Madness con istruttori esperti in grado di guidarvi attraverso tutte le strutture del parco e possibilità di noleggio di ogni tipo di attrezzatura.
Che abbiate a disposizione solo mezza giornata o che abbiate intenzione di passare un fine settimana o più giorni fra due ruote, montagne e natura spettacolare, il Bike Park Mottolino di Livigno vi aspetta con una serie di iniziative, offerte e tariffe speciali adatte a ogni vostra esigenza.

Immagine che mostra evoluzioni di biker al Mottolino Livigno durante il Fiat Nine Knights MTB 2013

Il Suzuki Nine Knights Mtb si terrà dal 31 agosto al 5 settembre 2015, da non perdere. La foto mostra un momento del Fiat NineKnights Mtb del 2013.

Questa, infine, la dichiarazione di Alessia Galli, RM di Mottolino: “Sta per partire un’altra stagione estiva. Escludendo l’“anno zero”, questa sarà la decima per il nostro bike park. Un’evoluzione continua, partita da un progetto lungimirante, in cui la determinazione di una persona ha modificato trend turistici che da tempo erano gli stessi.
Dieci anni fa aprivamo la telecabina a luglio e agosto per i pedoni, che trovavano nel M’Eating point il luogo ideale per rinfrescarsi dall’afa della città.
Oggi apriamo la stagione quasi un mese prima e la chiudiamo un mese dopo, con rider da ogni dove che non vedono l’ora di ricominciare a girare e ospitiamo uno degli eventi più spettacolari nella scena gravity italiana ed europea.
Un bilancio più che positivo a dieci anni dall’avvio di questo progetto ambizioso dai risultati gratificanti, che speriamo possa continuare ad evolversi in futuro, visto il suo valore unico.

A proposito dell'autore

Grande appassionato di natura, cinema e scrittura, collabora da anni con siti di musica, cinema, spettacolo e informazione occupandosi di varie tematiche. Milano gli ha fatto scoprire il mondo della bicicletta e da allora il suo amore per le due ruote continua a crescere inarrestabile.