Nel motor-home di FSA Europa, Davide Riva ci illustra, in 5 semplici passi, la trasformazione di una guarnitura da tripla in doppia

Molti di voi diranno: “E che ce vò? basta smontare la corona grande ed il gioco è fatto”; ma non è proprio così…

  • Partendo da una classica tripla mtb la situazione della linea catena media è quella mostrata in figura;
  • la classica trasformazione in doppia, che in molti abbiamo fatto sulle nostre mountainbike, consiste nel rimuovere la corona grande che viene sostituita da tab o da bash;
  • con questa situazione la linea catena media diventa la linea immaginaria tra le due corone, corrispondente alla linea rossa in foto;
  • come si può vedere, la linea catena è diventata particolarmente “stretta”.Questa cosa può andar bene quando si usa la metà “più grande” del pacco pignoni, ma non va molto bene quando si usano i rapporti lunghi (pignoni piccoli fino all’ 11) e specialmente su mountainbike xc o trail. Alla lunga,questa situazione, può portare al malfunzionamento della trasmissione e conseguente usura prematura dei componenti;
  • per questo motivo, FSA ha prodotto le corone D-10 che, oltre ad essere compatibili con le varie dentature Shimano e Sram, offrono un disegno off-set dei denti rispetto alle corone per tripla, come si evince dalle foto successive;
  • con le corone D-10 una classica guarnitura tripla per mountainbike può essere trasformata in doppia scegliendo tra le combinazioni 36/22, 36/24, 38/24, 39/26 adatte sia a 29” che 27,5” andando a riacquistare una linea di catena migliore per la trasmissione.

Semplice no? A saperlo prima…

Peace

A ExpoBici non perderti BiciLive.it

Inserisci la tua mail e rimani aggiornato

A proposito dell'autore

Stellette per vocazione ASD Emissioni Zero per passione. La montagna ce l'ha nel sangue, la passione per la mountain bike lo accompagna fin dalla prima adolescenza. Amante della promozione del territorio e dello sport senza cronometri, organizza eventi promozionali fatti di riding e sfottò tra compagni di pedalate, magari conditi con cucina locale e innaffiati con una una bella birra. "Born Into the Wild"