A Pila, in quello che è considerato il vero e proprio “attico verde” della Valle d’Aosta, sorge il Pila Bike Planet, un bike park dotato di 16 percorsi mtb a difficoltà variabile e 3 impianti di risalita fruibili con un singolo pass.

Gran ricchezza di tracciati in grado di soddisfare le esigenze di ogni amante della mountain bike e delle sue varie discipline, quindi, il tutto all’interno di una delle cornici naturali più spettacolari di tutta Italia.

La posizione sopra la città di Aosta, la presenza di una splendida conca ricca di larici e abeti, la stupenda vista su Monte Bianco, Grand Colombin, Cervino e Monte Rosa, la grande differenziazione dei tracciati e i servizi di noleggio mtb e risalita fanno di Pila Bike Planet una meta ideale degli amanti delle discipline mtb ma anche scenario di gare di downhill nazionali e internazionali.

La Coppa del mondo di downhill a Pila arrivò nel 2005; l’ultimo campionato italiano è del 2009 mentre è stata per tre anni tappa del circuito downhill europeo IXS nel 2010, 2011 e 2012.

In questo 2016 il Pila Bike Planet è stato scelto per organizzare una tappa di Gravitalia 2016, avvenuta fra sabato 27 e domenica 28 agosto.

biker pedalano lungo un tracciato da enduro a Pila in val d'aosta

Pila Bike Planet offre 16 percorsi che spaziano dal freeride al gravity, dall’enduro al cross country e contrassegnati in base alla difficoltà dai colori blu, rosso e nero.

I percorsi mtb di Pila Bike Planet

Pila Bike Planet è dotato di ben 16 percorsi segnalati in base al livello di difficoltà: blu indica un tracciato facile, il rosso quelli di media difficoltà e il nero gli itinerari che richiedono molta abilità tecnica.

Oltre a una grande diversità di paesaggi, lunghezza e panorami, i vari percorsi sono adatti alle varie discipline mtb e quindi gli amanti di enduro, all mountain, freeride, downhill o cross country troveranno sempre e comunque qualcosa di adatto ai loro gusti.

Bike Stadium

Con le sue 4 piste permanenti (downhill e freeride) e 3 varianti di discesa per offrire diversi gradi di difficoltà, il Bike Stadium finirà con l’attirare molti rider per via del percorso creato da Corrado Herin.

L’inossidabile Corrado, il cui palmarès fa impallidire i giovani downhiller (bronzo ai Mondiali di Vail 1994, vincitore di tre tappe e della classifica della Coppa del mondo dh 1997 e ancora oggi neo campione mondiale Master 2016 in Val di Sole) ha messo tutta la sua esperienza nel concepire una pista che, per la sua bellezza e difficoltà, è stata ed è teatro di molte gare internazionali.

La pista è lunga 2600 metri per un dislivello negativo di 526 metri e presenta un fondo misto: alterna fasi veloci a tratti tecnicamente molto impegnativi fra drop naturali, paraboliche, compressioni, salti, sponde in terra e legno e fondi ricchi di radici e rocce.

I percorsi “freeride” ovvero più enduro sono quattro e sono strutturati principalmente su terreno naturale, con diverse difficoltà ma sempre con la possibilità di aggirare i tratti più impegnativi (le famose “chicken line”).

biker scende in un tracciato tecnico e pietroso a Pila Bike Planet

I percorsi tecnici e impegnativi di Pila nel corso degli anni hanno ospitato gare di mountain bike di caratura internazionale.

Pila-Aosta Freeride, il “Rientro”

Con partenza da Pila dalla seggiovia Chamolé a 1750 metri sul livello del mare e arrivo alla cabinovia Aosta-Pila che si trova a 580 metri, il percorso, conosciuto dagli habitué come “il Rientro“, presenta molte varianti ed è l’ideale per ogni amante delle lunghe discese.

A seconda dei bivi scelti si può passare da una lunghezza di 8 chilometri su un dislivello di 1170 metri fino a un percorso di ben 11 chilometri per un dislivello negativo di 1730 metri: il consiglio è recarsi a Pila con un bel paio di pastiglie dei freni nuove ;-)

Scherzi a parte, si tratta generalmente di tracciati di media difficoltà, affrontabili sia con mtb da downhill se cerchiamo maggiore velocità, sia con bici da enduro per avere più maneggevolezza nei brevi rilanci che si dovranno affrontare. Esistono inoltre elementi artificiali quali curve con sponde in rapida sequenza, drop in legno e salti di diverse tipologie.

paraboliche e salti al Pila Bike Planet

Alcuni tracciati del Pila Bike Planet prevedono strutture artificiali come curve paraboliche, compressioni e salti, mentre e la salita può essere effettuata utilizzando la seggiovia Chamolè o Couis 1.

Desarpa Bike

Con i suoi 15 chilometri di lunghezza e 2100 metri di dislivello negativo che portano dalla seggiovia del Couis 1 fino ad Aosta, la nuova pista della Desarpa è una delle maggiori attrazioni di Pila Bike Planet.

Il ciclista ammirerà vari tipi di paesaggio toccando sia la stazione di arrivo del Couis 2 che la stazione di arrivo della seggiovia Grimod.

Dopo aver attraversato un boschetto e il Plan Bois si prosegue costeggiando il Parco Avventura per raggiungere infine la porzione freeride che vi porterà fino ad Aosta.

Uno dei tracciati più vari e divertenti mai provati, che passa dalla strada bianca sterrata a rock garden naturali, dai single track nel bosco ai tratti tecnici preparati fino a giungere al famoso Rientro. Da fare almeno una volta “nella carriera”, molto consigliato.

cicliste percorrono itinerari panoramici in mtb a Pila in Val d'Aosta

I percorsi più facili, contrassegnati dal colore blu, permettono di raggiungere facilmente punti panoramici da cui ammirare le vette che dominano la Valle d’Aosta.

Cross Country

A Pila Bike Planet c’è molto da pedalare anche per gli amanti di questa disciplina, che potranno scegliere fra 12 itinerari che utilizzano le strade poderali per 185 chilometri totali di discesa.

Per avere informazioni più dettagliate su ognuno dei 16 tracciati vi rimandiamo alla cartina presente sul sito, mentre per conoscere gli orari stagionali di apertura, le condizioni di noleggio bici, i servizi e le offerte riguardanti ristorazione e alberghi vi invitiamo a consultare le varie sezioni di Pila MTB Planet.

seggiovia Chamolé a Pila con panorama con vette alpine

Pila è facilmente raggiungibile percorrendo l’A5 prima e una strada regionale successivamente. Da Pila si possono raggiungere i 2.300 m prendendo la seggiovia Chamolé e gustandosi il panorama circostante.

Come raggiungere Pila Bike Planet

Il bike park è facilmente raggiungibile tramite l’autostrada A5 Torino-Aosta impiegando l’uscita Aosta Est e seguendo quindi la strada regionale Pollein-Charvensod-Pila.

Una volta arrivati in zona è possibile parcheggiare nel vastissimo parcheggio di Aosta, caricare la vostra mountain bike sulla telecabina Aosta-Pila e trovarsi direttamente sui tracciati mtb.

Oppure, nel caso siate giunti senza la vostra due ruote, avrete la possibilità di noleggiare vari modelli di mtb, dal cross country al downhill, presso l’area di partenza della seggiovia Chamolé.

È possibile raggiungere Pila anche via treno o tramite gli autobus che partono dagli aeroporti di Torino Caselle, Milano Malpensa, Ginevra o Bergamo Orio al Serio; per informazioni più dettagliate vi rimandiamo all’apposita pagina del sito ufficiale di Pila.

A proposito dell'autore

Grande appassionato di natura, cinema e scrittura, collabora da anni con siti di musica, cinema, spettacolo e informazione occupandosi di varie tematiche. Milano gli ha fatto scoprire il mondo della bicicletta e da allora il suo amore per le due ruote continua a crescere inarrestabile.