In questo articolo andremo ad approfondire le caratteristiche tecnologiche delle Sidi MTB Eagle 7, l’ultima evoluzione italiana in fatto di scarpe da mountain bike.

Sidi è una delle tante realtà italiane di eccellenza che porta con sé una lunga storia di passione e di esperienza. Nata nel 1960 da un piccolo laboratorio artigianale che produceva scarponi da montagna, si specializza negli anni 70 in calzature per le moto e per il ciclismo.

L’innovazione unita al comfort e al design portano ben presto l’azienda dell’imprenditore e da sempre ciclista Dino Signori ai vertici di settore sia nazionale che internazionale.

Il modello MTB Eagle 7 racchiude le ultime tecnologie Sidi che rendono queste scarpe non solo performanti ma anche sicure, belle e comode da indossare.

colori scarpa da mtb sidi eagle 7

Sidi Eagle 7 è disponibile in 4 colori nelle misure dal 36 al 48. Prezzo di listino: 190 euro.

La tecnologia delle scarpe mtb Sidi MTB Eagle 7

Partiamo dalla suola delle scarpe Sidi MTB Eagle 7, studiata apposta per la disciplina della mountain bike.

Oltre a essere resistente e leggera, permette di montare come accessori due ramponi sulla punta per spingere più agevolmente in salita la bicicletta anche su terreni fangosi, indispensabile nelle competizioni. Per questo motivo è stata ribattezzata Suola MTB Competition.

suola della scarpa da mtb sidi eagle 7

La suola della Eagle 7 è denominata “MTB Competition” e sulla punta possono essere installati degli appositi ramponi.

La tomaia (il rivestimento che avvolge il piede) è composta in Microfibra Microtech, un particolare materiale con caratteristiche di elevata leggerezza, resistenza, traspirabilità, impermeabilità ed ecocompatibilità.

Viene prodotta con un trattamento a base d’acqua senza solventi che oltre ad avere un basso impatto ambientale è anche rispettoso del nostro benessere.

Il tallone è rinforzato con doppie cuciture e materiali rigidi che evitano la deformazione strutturale durante gli sforzi più intensi e prolungati in pedalata. Questa caratteristica è fondamentale per mantenere la funzionalità e il comfort a lungo nel tempo.

chiusura soft instep 2 della eagle 7

Sidi Eagle 7 è dotata di 3 cinturini che permettono una chiusura ottimale e micrometrica della scarpa.

Il meccanismo di chiusura delle Sidi MTB Eagle 7

La chiusura delle scarpe Sidi MTB Eagle 7 è affidata a tre cinturini. Il primo, ampio e anatomico, avvolge il collo del piede riuscendo ad adattarsi a svariate forme grazie alle microregolazioni delle leve caliper su entrambi i lati. Questa tecnologia va sotto il nome di Soft Instep 2.

Il meccanismo di leva caliper, brevettato proprio da Sidi, evita allentamenti del cinturino indesiderati e permette di ridurre la tensione gradualmente un dentino alla volta, anche in corsa (mentre si pedala) premendo il pulsante centrale.

leva caliper sidi montata sulla eagle 7

La leva caliper brevettata da Sidi permette di allentare la tensione gradualmente, comoda e utile da azionare anche mentre si pedala.

Gli altri due cinturini di serraggio per la parte centrale e finale del piede utilizzando la tecnologia classica del Velcro ma con due striscie di plastica dentinate che si incastrano fra di loro per evitare spostamenti indesiderati.

Quest’ultimo semplice accorgimento è stato ribattezzato come High Security Velcro e si aggiunge alla tante innovazioni che hanno reso celebre l’azienda veneta Sidi.

cinturino in velcro delle scarpe da mtb sidi

Le strisce di plastica dentinate consentono al cinturino di velcro di rimanere stabile e ben chiuso.

Prezzi e disponibilità

Le scarpe Sidi MTB Eagle 7 sono disponibili nelle combinazioni di colori nero-giallo-nero, nero-argento-giallo, nero-nero-rosso e bianco-nero-rosso. Ampia scelta di misure con taglie che spaziano dalla 36 alla 48, passando per le mezze misure dalla 41 fino alla 45.

Acquistabili presso i rivenditori Sidi distribuiti lungo tutto il nostro stivale, al prezzo consigliato di circa 190 euro.

A proposito dell'autore

Autodidatta con la passione per le biciclette e veicoli elettrici in generale. Ha avuto il privilegio di lavorare per un lungo periodo presso Bike World Extreme di Natalini Vanes a Castel Maggiore. Autore del manualetto Due Ruote e un Elettrone pubblicato dalla casa editrice "La Linea" di Bologna.