Una arrampicatrice con carattere XC.

La Lee Cougan Droid è una front da 29″ on telaio in alluminio, forcella Suntour XCR RL-R 100 mm, cambio posteriore Shimano SLX e deragliatore Shimano Deore…

È la bici più costosa del gruppo, con un telaio dai dettagli ricercati, un montaggio nel complesso sopra la media, e un estetica gradevole dai buoni abbinamenti cromatici.

Solo la forcella ci ha lasciato perplessi: l’esemplare montato sulla nostra bici, a fronte di impatti ripetuti e ravvicinati, si blocca e non affonda, con poca sicurezza trasmessa in discesa. L’indole è molto race per l’utente medio, a meno che non si cerchi proprio una entry level per iniziare qualche garetta XC.


La chicca

pecca_T3A4393_Low

Movimento centrale integrato

Forcellini lavorati al cnc


La pecca

chicca_T3A4390_Low

Forcella ingestibile, praticamente bloccata

La scheda tecnica

Telaio Alu formed tubes
Forcella Suntour XCR RL-R 100 mm
Trasmissione Shimano Slx/Deore/Fsa Gamma Drive 3x10v
Freni Tektro Draco 160 mm
Componentistica Woz
Ruote Woz
Coperture Michelin Country Racer 29×2.1
Peso 13,2 Kg dich./ 13,96 Kg rilevato
Prezzo 990 euro
Il test della mtb front Lee Cougan Droid
Salita9
Discesa6
Comfort8
Qualità prezzo6
Costruzione telaio9
Maneggevolezza5
7.2Il nostro voto
Voti lettori: (20 Voti)
7.3

A proposito dell'autore

Il primo network dedicato interamente alla bicicletta e a tutte le sue forme: dalla mountainbike alla strada, dalla e-bike alla fixed, dalla bici da bambino alla bici da pro.