Prima puntata della rubrica dedicata a tutti quei biker che non vogliono rinunciare a realizzare foto e video mentre si godono le loro giornate in bici. Chi scrive ormai ha alle spalle più di una dozzina d’anni in sella alla propria mountain bike con zaini da 12 kg e alle volte 30 kg con attrezzatura fotografica e video.

Oltre ad aver realizzato numerosi servizi per magazine e report di eventi, lavoro attualmente per alcuni brand molto importanti nel settore delle due ruote. Lo scopo di questa rubrica è innanzitutto insegnarvi a scattare delle buone immagini e a realizzare video interessanti che potrete condividere con i vostri amici e naturalmente qui su BiciLive.it.

Più reporter o più biker?

Prima di iniziare a farvi una carrellata della tecnologia e degli strumenti adatti a scattare durante i vostri giri in bici, vorrei aiutarvi a capire se siete “più reporter o più biker”.

Perché? Perché è importante che voi stessi siate consapevoli che quando si decide di far fotografie o riprese video durante le uscite in bici ci si prende un impegno, alle volte ci si attrezza con zaino e una determinata attrezzatura, dunque si va a togliere qualcosa al nostro modo di godere la bici.

Io col tempo ho capito che sono più fotografo e infatti con gli anni è diventato il mio lavoro, ma già molti anni fa, quando ancora l’idea di diventare fotografo professionista neppure balenava nella mia testa, avevo sempre con me una reflex nello zainetto.
Tra voi sicuramente c’è chi è più biker, ma vuole comunque ottenere degli scatti dignitosi e delle belle riprese di discese o sentieri ed è per questo che qui di seguito vi illustro gli strumenti adatti al vostro essere più fotografo o più biker.

Gli strumenti

Come anticipato, ecco gli strumenti che attualmente potete utilizzare sia per realizzare immagini fotografiche sia immagini video. Ogni strumento ha dei vantaggi e degli svantaggi, non va sottovalutato nulla e dobbiamo essere consapevoli dei limiti di ciò che utilizziamo. Nelle descrizioni di questi strumenti ho indicato oltre ai vantaggi e gli svantaggi, dei consigli e suggerimenti per l’utilizzo.

Lo smartphone

Lo smartphone è uno strumento utile per scattare fotografiePer alcuni lo smartphone è diventato uno strumento inseparabile, è tecnologicamente molto valido, alcuni smartphone possono realizzare foto e video davvero di buona qualità.

Io stesso lo uso spesso per realizzare i backstage del mio lavoro, per fare foto quando non ho lo zaino da 20 kg sulla schiena e nella vita di tutti i giorni. Non deve essere sottovalutato come strumento per poter portare a casa degli scatti validi e importanti, ha dei limiti ma come tutte le cose va saputo utilizzare.

Dobbiamo essere noi a saper sfruttare i suoi vantaggi e saperlo tenere in tasca quando non può essere d’aiuto. Inoltre è lo strumento più rapido per poter condividere le immagini e i video sui social network, in tempo reale.
Questo, naturalmente, è lo strumento adatto a chi si sente più biker: sempre in tasca, occupa poco spazio, non ce lo dimentichiamo mai.

L’action camera

Esistono nel mercato molti modelli di Action CameraTra le action camera rientrano le on board camera, le helmet cam e tutti quei  piccoli concentrati tecnologici che si posizionano sul casco o sulla bici per realizzare soprattutto video.

Chi la utilizza da tempo sa che questi strumenti possono realizzare anche fotografie di buona qualità. Anche questo strumento ha vantaggi e svantaggi: spesso è posizionato sul casco o sulla bici in modalità video, per poter realizzare foto dovremmo impostarlo nella modalità foto, rischiando di spostarlo dalla sua preziosa posizione; ha un’ottica fissa (spesso fisheye) e ciò può rendere, a lungo andare, monotone le immagini delle nostre giornate, considerando anche la deformazione evidente di quest’ottica.

Questo strumento è consigliato a chi si senta più “videomaker” ma non vuol rinunciare anche a qualche scatto.

La macchina fotografica compatta

La fotocamera compattaLe compatte sono vere macchine fotografiche che negli ultimi anni hanno subito un ingiusto un calo d’attenzioneLo smartphone ha dato del filo da torcere alla compatta, ma l’utenza non ha capito che tra lo smartphone e la compatta c’è una bella differenza… naturalmente c’è compatta e “compatta”.

Ci sono compatte economiche con una qualità discutibile, ma con una spesa mirata e ragionata che non supera i 200 euro si può acquistare un’ottima compatta di qualità. Ha molti vantaggi: ottima qualità delle immagini, compatta, leggera, zoom ottico, esistono modelli impermeabili e antiurto, rapida da utilizzare, può stare appesa allo spallaccio dello zaino.

Gli svantaggi? Pochi: non sta comodamente in tasca come lo smartphone, può essere un limite se si vuol scattare determinati tipi di immagini che vedete su riviste o i migliori magazine online, molte compatte non hanno per esempio un autofocus rapido e questo, soprattutto con soggetti in movimento come le bici, è un grosso problema (idem lo smartphone).

La reflex e la reflex mirrorless

Le reflex mirrorlessQuando si parla di reflex tutti pensano a uno strumento di alta qualità con cui ottenere immagini spettacolari e sempre perfette. Non è proprio vero.

Intanto vi spiego la differenza tra reflex e mirrorless. Si può già comprendere la differenza sostanziale dal nome stesso: la reflex ha un meccanismo interno che permette di riflettere l’immagine che entra attraverso la lente su uno specchietto, immagine che poi viene catturata da un prisma che permette al nostro occhio di vedere l’immagine reale che stiamo per immortalare.

La mirrorless è “una relfex senza specchio”: è stato eliminato il meccanismo di riflessione con lo specchio e sostituito con un sistema digitale. L’immagine che vediamo nel mirino e nel display è infatti una riproduzione digitale.

Il mondo reflex è molto ampio: si parte da reflex entry level che spesso hanno una qualità pari o inferiore ad alcune compatte e si arriva a reflex da qualche migliaia di euro adatte solo a un uso professionale e intenso, tale da ammortizzare una spesa di quel calibro.

C’è un fatto molto importante da capire prima di iniziare solo a pensare di acquistare una reflex o una mirrorless: l’ingombro! Spesso si sottovaluta, ma avere una reflex (ma questo aspetto è valido anche per una mirrorless) è impegnativo, soprattutto se si hanno un paio di ottiche, il flash esterno e vari accessori.

Non possiamo più pensare di girare con uno zainetto da bici qualsiasi, dobbiamo avere sulle spalle uno zainetto fotografico che preservi l’attrezzatura da vibrazioni e botte e soprattutto salvi la nostra schiena in caso di caduta.

Gli svantaggi sono soprattutto peso, ingombro e il tempo che serve a togliere la macchina dallo zaino per realizzare gli scatti! I vantaggi invece sono l’alta qualità (in base al tipo di reflex naturalmente, come già accennato una entry level potrebbe non soddisfare le aspettative), la rapidità della messa a fuoco, la possibilità di avere un parco ottiche molto vasto e accessori come flash esterni, trasmettitori ecc.

Naturalmente questo genere di attrezzatura offre la possibilità di realizzare video.

Gallery fotografica

Realizzare immagini è molto importante, sia per mostrare ad amici e parenti la nostra passione (magari invogliandoli a praticarla) sia per emozionare chi magari non c’era, ma soprattutto le immagini creano quell’archivio di ricordi che ci accompagnerà per tutta la vita. Qui di seguito alcuni esempi di immagini realizzate sia con attrezzatura reflex sia con smartphone.

In questa gallery non noterete molta differenza di qualità, ma l’enorme differenza di qualità tra reflex e smartphone si vede nella dimensione del file, nella risoluzione e nel potenziale (in termini di post produzione) che offre un file sfornato da una macchina fotografica reflex, per esempio quando si scatta in modalità raw, che vedremo più avanti.

C’è da dire che la tecnologia ha fatto enormi passi in termini di qualità e anche gli smartphone e le compatte hanno una qualità molto valida. Personalmente ho pubblicato su riviste immagini scattate con smartphone con buoni risultati.

Ciò che bisogna sempre tenere in considerazione quando si sceglie l’attrezzatura con cui scattare è la destinazione d’uso delle foto: io, come professionista non posso permettermi di realizzare servizi con lo smartphone per le aziende e i magazine, ma durante la quotidianità uso spesso il mio iPhone, come potete vedere da alcuni esempi in questa gallery.

Gallery video

Questi sono alcuni video dei nostri amici, alcuni realizzati con attrezzatura professionale e altri con attrezzatura che può essere alla portata di tutti, come le action cam che ormai hanno invaso i caschi di molti appassionati

Video realizzato da Luca Masserini realizzato con action cam montata su casco integrale

Video realizzato da Pietro Baraggi con attrezzatura reflex

Video realizzato da Cristiano Guarco con uno smart phone

Video realizzato da RITM con attrezzatura reflex e videocamere professionali

A proposito dell'autore

Appassionato di mountainbike dalla nascita, scopre la fotografia molto giovane, dopo la laurea in architettura non abbandona il sogno di lavorare come fotografo e da quel momento inizia la sua vera carriera da professionista lavorando come fotografo specializzato nell'action photography e fornendo servizi ad aziende di ogni genere... Attualmente ha il ruolo di Direttore Responsabile di BiciLive.it