Questo articolo è pensato per fornire una panoramica su tutti i sistemi di protezione cerchio della mtb, per chi ancora non conoscesse i dettagli e gli ultimi aggiornamenti in questo campo.

Nel mondo mtb stiamo infatti assistendo a una sorta di rincorsa al miglior sistema per trovare soluzioni che evitino lo stallonamento e proteggano il cerchio dagli impatti sulle rocce. In ambito gara, anche nel nuovo formato di gare per emtb E-Enduro, si cerca di fornire ai piloti un prodotto che permetta anche di terminare la prova in runflat (cioè in caso di gomma a terra) mantenendo una guidabilità accettabile.

Con l’espansione dei pneumatici plus e recentemente anche il nuovo formato semi plus, in cui si utilizzano pressioni più basse ma sono spesso costruiti con una carcassa leggera e delicata, tali sistemi diventano quasi obbligatori, specie se alla guida di una moderna emtb.

Ogni sistema di protezione cerchio sul mercato fornisce vantaggi e prestazioni differenti, con pesi che variano da poche decine di grammi a più di 300 grammi ciascuno.

Molti li definiscono sistemi “anti foratura” ma il termine non è corretto perché è possibile bucare il copertone con uno qualsiasi dei prodotti che citeremo.

Sono sistemi che vanno utilizzati con l’aggiunta di lattice per tubeless e questo si occupa di risolvere le piccole forature.

Si potrebbe definirli sistemi anti pizzicatura, perché le protezioni per i cerchi limitano o azzerano i tagli della carcassa provocati dagli impatti del pneumatico sul cerchio. Purtroppo non risolvono il problema dei tagli laterali, quando si urta una roccia “di striscio”.

In quei casi il poter rientrare pedalando in runflat (a gomma sgonfia) senza troppa fatica sarebbe un ottima cosa, piuttosto che dover smontare il sistema e inserire una camera d’aria, sempre se l’abbiamo con noi.

illustrazione del cush core sistema protezione cerchio mtb

L’infografica di Cush Core descrive lo scopo dei vari foam: protezione cerchio e stabilizzazione della spalla del pneumatico.

Sistemi di protezione cerchio mtb: dettagli e prezzi

Sul mercato abbiamo diverse famiglie: i sistemi anti stallonamento a doppia camera come il Denaeasy Tube+ e la versione di Schwalbe con il Procore.

Poi troviamo le strisce di poliuretano tipo Huck Norris e tutte le varie tipologie di inserti in schiuma a celle chiuse, i cosiddetti “salsicciotti”: Abs ROC, Cush Core, Flat tire Defender, Mr. Wolf Banger, PTN by Pepi, Soulciccia.

Questi ultimi prendono un po’ dal mondo moto, in cui vengono utilizzate da decine di anni le mousse che grazie a una consistenza più o meno rigida danno sensazioni e prestazioni diverse; sono però molto difficoltose come installazione.

Ogni sistema ha i suoi pro e contro, oltre che prezzi da abbordabili a elevati: si va dai 40 euro ai 220 euro per entrambe le ruote. Tenete presente che per quasi tutti i prodotti sul web si trovano ormai prezzi più bassi di quelli di listino indicati.

Deaneasy Tube+

Il Tube+ di Deanesy è un sistema a doppia camera composto da un tubolare gonfiato ad alta pressione (7/10 bar) e una valvola a doppia funzione che gestisce anche la pressione del pneumatico. Il tubolare mantiene tallonato il copertone sul cerchio proteggendolo dagli urti più violenti. Il peso è di circa 240 grammi a ruota e il prezzo è di 220 euro per il kit completo di due ruote. Disponibile per diversi formati ruota.

Vantaggi: permette di girare a pressioni basse. Si può regolare la pressione interna del tubolare e quindi il feeling. È molto duraturo. Svantaggi: montaggio/smontaggio complessi, il cerchio necessita di un allargamento del foro per ospitare la valvola speciale. La valvola necessita di manutenzione frequente. Non indicato per cerchi in carbonio. Costo molto elevato.

foto del sistema Tube+ di Deaneasy per mtb

Il sistema Tube+ di Deaneasy è fatto in Italia ed è nato da un’idea di Alberto Deanesi, ora purtroppo costretto su una sedia a rotelle.

Schwalbe Procore

Molto simile al Tube+, è sempre un sistema a doppia camera con valvola a doppia funzione da utilizzare con gomme tubeless e lattice. La differenza sta nel Procore blu, che è una sorta di protezione della camera d’aria interna gonfiata a 6 bar. Il peso è di circa 230 grammi a ruota, il prezzo è di 195 euro per le due ruote. Disponibile per diversi formati ruota.

Vantaggi: permette di girare a pressioni più basse, si può regolare la pressione interna del tubolare e quindi il feeling. È molto duraturo. Svantaggi: la valvola speciale è delicata, il peso è elevato. Non indicato per cerchi in carbonio. Costo elevato.

foto del Procore di Schwalbe, un sistema a doppia camera

Il Procore di Schwalbe, un sistema a doppia camera in cui si può regolare la pressione del tubolare e del pneumatico.

Huck Norris

L’Huck Norris è un striscia piatta di poliuretano da inserire in un sistema tubeless. È tra gli inserti più leggeri, si adatta a diversi formati ruota, pesa circa 80 grammi per ruota e ha un prezzo di 79 euro la coppia. Si tratta di una semplice ma effettiva protezione per il cerchio ed è disponibile per diversi formati ruota.

Vantaggi: montaggio/smontaggio semplice, peso ridotto, permette pressioni di utilizzo più basse, protegge il cerchio. Svantaggi: durata limitata in base all’uso (con uso aggressivo si deteriora), può assorbire il liquido sigillante e aumentare leggermente di peso.

foto del sistema protezione cerchio huck norris

Huck Norris è una semplice striscia in foam ma molto efficace una volta inserita nel pneumatico.

Pepi’s Tire Noodle – PTN

L’italiano PTN è un tubo di poliuretano che si inserisce in un sistema tubeless. È disponibile in tre misure, pesa circa 80 grammi e costa 39,90 euro la coppia. Fornisce un supporto durante la guida e protegge abbastanza il cerchio.

Vantaggi: prezzo basso, peso ridotto, sostiene la spalla del pneumatico, permette pressioni di utilizzo più basse. Svantaggi: durata limitata in base all’uso (con uso aggressivo si deteriora).

foto del sistema PTN per mtb

Il PTN è uno tra i sistemi più leggeri ed economici sul mercato.

Flat Tire Defender

Sempre nella famiglia dei closed cell foam inserts ovvero inserti in schiuma a celle chiuse, l’americano Flat Tire Defender pesa circa 290 grammi per ruota, costa 138 euro la coppia ed è disponibile in diverse misure anche per pneumatici plus.

Vantaggi: permette pressioni di utilizzo basse, protegge il cerchio, sostiene la spalla del pneumatico, smorza le vibrazioni e dona un comfort di guida migliore. Svantaggi: peso elevato, costo abbastanza elevato.

foto del sistema protezione cerchivmtb flat tire defender

L’americano Flat Tire Defender è tra i più pesanti del lotto con quasi 300 grammi per ruota.

Cush Core

Anche questo dall’America, il Cush Core è leggermente diverso dai classici foam per il fatto che resta più piatto e lascia più spazio all’aria (e al sigillante) nel pneumatico. Pesa circa 260 grammi per ruota nella versione 27,5″, è disponibile in varie misure e il prezzo di listino è 168 euro.

Vantaggi: protegge il cerchio, sostiene la spalla del pneumatico, smorza le vibrazioni e permette un comfort di guida migliore con pressioni di utilizzo basse. Svantaggi: installazione, peso e costo elevato.

foto del cush core, sistema protezione cerchio mtb

Il Cush Core è più sottile di un normale salsicciotto: la sua forma serve a coprire i bordi del cerchio e mantenere il copertone in sede.

Mr. Wolf Banger

L’italiano Banger se la gioca con gli altri foam sul mercato con 12 versioni totali per tutti i formati ruota, anche per i già citati semi plus, plus o normali. È un polimero molto simile a quello delle mousse per moto, costa 199 euro la coppia, pesa 210 grammi circa per ruota su 27,5″.

Vantaggi: protezione cerchio, sostiene la spalla del pneumatico, smorza le vibrazioni, permette pressioni di utilizzo basse e un comfort di guida migliore. Svantaggi: durata limitata in base all’uso (con uso aggressivo si deteriora), peso e costo elevato.

foto del banger di mr wolf

Il Banger è tra i più conosciuti in Italia per la sua riuscita campagna pubblicitaria.

Abs ROC by Deaneasy

Altro prodotto italiano, ora diventato ufficialmente del marchio Deaneasy, l’Abs ROC è un inserto in tecnofoam prodotto con tecnica di carotaggio che presenta due scanalature, pesa circa 165 grammi per ruota sul 27,5″, costa 149 euro la coppia ed è disponibile in tre formati diversi (xc, enduro/dh e plus). A breve verrà commercializzato anche in altre due tipologie più leggere, da 130 grammi su 27,5″.

Vantaggi: protegge il cerchio, sostiene la spalla del pneumatico, permette pressioni di utilizzo basse, smorza le vibrazioni, aumenta il grip e dona un comfort di guida migliore. Ottima la durata. Svantaggi: il peso e l’attrito limitano leggermente la scorrevolezza nei tratti su asfalto e in salita. Costo abbastanza elevato.

foto del foam per mtb abs roc

Il foam Abs Rock by Deaneasy sarà presto disponibile in altri due modelli più leggeri.

SoulCiccia by Harry Bangs

Uno tra gli ultimi arrivati ma sempre made in Italy, SoulCiccia è un foam abbastanza voluminoso ma il peso è solo di 50 grammi, il prezzo è di 59 euro, le versioni sono tre, S, M, L.

Vantaggi: peso molto ridotto, sostiene la spalla del pneumatico, permette pressioni di utilizzo più basse, smorza le vibrazioni, utilizzabile in ambito xc e marathon. Svantaggi: in un uso aggressivo fornisce una durata inferiore a sistemi più pesanti.

foto del sistema soulciccia per mtb

SoulCiccia è un prodotto recente molto leggero e ancora poco conosciuto, sarebbe bello poter effettuare un test sul campo.

Sistemi di protezione cerchio mtb: come scegliere

Per la scelta di un sistema piuttosto che un altro, a patto che lo consideriate uno strumento utile per le vostre esigenze, va fatta la considerazione che sì, alcuni prodotti simili potrebbero essere facilmente reperibili per pochi euro da un ferramenta o un negozio fai da te, oppure utilizzando dei tubi da piscina o da idraulica che tanti biker stanno provando a installare nelle proprie ruote.

Tuttavia, dietro a molti di questi sistemi ci sono mesi o anni di progetti, prove, studi e risorse investite che naturalmente alzano il prezzo finale.

Quindi, valutato il vostro budget, in secondo luogo va determinato lo stile di guida e la tipologia di trail su cui girate maggiormente.

Da qui si può decidere, in base al bisogno, se avere un foam “one shot” per una gara, un prodotto economico e poco duraturo o un sistema più costoso che però si mantenga (o si dovrebbe mantenere) nel tempo.

In ultimo, nei dettagli non abbiamo accennato alle prestazioni dei vari sistemi durante il runflat, perché alcuni di essi non sono concepiti per questo scopo e comunque andrebbero tutti testati singolarmente sul campo.

foto di aaron gwin a leogand 2014

Leogang 2014: solo Aaron Gwin può finire una run di Coppa del Mondo DH sul cerchio senza problemi… Foto: Colin Meagher

Conclusioni

La foto di Aaron Gwin non è messa a caso: quante gare ancora si perdono per una foratura o una stallonatura? Basta una breve riflessione su questo fenomeno per capire come ci sia una evidente lacuna da colmare tra i produttori di cerchi e pneumatici, che nel 2018 ancora non hanno inventato (o non vogliono inventare) un connubio pneumatico-cerchio che azzeri o quantomeno diminuisca forature, tagli e stallonamenti.

Da qui sono nati i sistemi di protezione cerchio mtb (anti stallonamento, anti pizzicatura ecc.), da molti ritenuti come una delle innovazioni degli ultimi anni, ma alla fine sono comunque un espediente più o meno ingegnoso per rimediare alle lacune del sistema tubeless che ancora non è perfetto, soprattutto in ambito racing e guida aggressiva.

Dal canto nostro stiamo conducendo dei test su alcuni dei prodotti presenti sul mercato e quanto prima vi forniremo un parere obiettivo, basato su prove sul campo.

State sintonizzati su mountainbike.bicilive.it

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Patito delle due ruote fin da bambino, bmx, motocross, le prime mtb. Dal 2007 sui campi di gara enduro e downhill in tutta Italia, dal 2013 è istruttore di mountain bike presso Gravity School. Con BiciLive fin dall'inizio, la bici è il suo pane quotidiano!