Scoperta da poco e già indelebile nel cuore e nella mente di ognuno di noi… Tra arancini di riso, cannoli e quella superficie nera che ti lascia senza parole, a voi il report fotografico della nostra seconda tappa sull’Etna, un’esperienza indimenticabile!

Paolo Binarelli che l’ha vissuta per la prima volta posta sulla sua pagina Facebook:

“In genere odio i lunedì mattina. Ma quella di oggi è stata la mattina di un lunedì diverso dagli altri. Svegliato dal solito schiaffo di luce sulla faccia ho raccolto la piccola pietra nera che avevo lasciato sul comodino ieri sera. Una piccola pietra nera, insignificante nelle mani di chiunque altro, ma non nelle mie… vengo scosso da un fremito mentre accarezzo il lapillo, un frammento di roccia che il vulcano ha trasformato in pomice dopo averlo strappato dalle viscere della terra. Sento la pioggia, il vento che mi ghiaccia le mani, i piedi che affondano nella cenere mentre spingo la bicicletta. Fatica e, cazzo, c’è la nebbia! Siamo vicini, ecco le voci dei miei amici, andiamo avanti! Poi ci lanciamo giù appena il cielo si apre.

Goduria allo stato puro.

Le nostre ruote fendono la superficie di quel mare nero, immenso… inseguo le scie di polvere di una discesa che sembra non avere mai fine. Frammenti di pomice e altri detriti mi investono a ogni curva, li sento in bocca, sotto la maglia, dentro le scarpe. Dappertutto! Goduria assoluta. Ci fermiamo, gli sguardi si incrociano… si fa fatica a parlare, ma cazzo se siamo contenti, felici, appagati! E ora abbiamo solo voglia di una birra ghiacciata… la assaporo mentre accarezzo il mio lapillo. L’orgasmo della Gravity School Etna Experience in una piccola pietra.

Tardissimo! Lo lascio sul comodino… drifto al bagno, devo andare!”

Gravity School Etna-4

Comunque te la devi guadagnare…

Per calare (terminologia sicula che sta a indicare la discesa) dall’Etna si prendono gli impianti di risalita e poi si cammina per andare a trovare le linee migliori. A meno che non vogliate farvi la squallida e affollata gippabile sotto gli impianti, lassù ci devi andare con una guida o tramite la Gravity School che pensa a tutta la trasferta

Gravity School Etna ok

Sveglia all’alba…

…aereo, caffè, hotel, caffè, monta le bici, sali sull’Etna, spingi la bici: prima di scendere Cali e Michele si prendono dieci minuti di relax – meritati

Gravity School Etna-6

Re-impara a guidare

Sei da solo a scendere, i tuoi amici sono partiti in ogni direzione per lasciarti, o prendersi, la sacralità del momento. Cerchi di capire come impostare le curve e come gestire i freni, hai la pelle d’oca e vorresti urlare a più non posso. Lo farai a fine discesa guardando in faccia i tuoi amici

IMG_2058

Freeride is not dead

Michele, al centro, studia e analizza il comportamento da adottare su questo nuovo terreno, sulla destra Luca e Lucky “se la tirano” sfoggiando una certa confidenza essendo la seconda esperienza. La prossima volta ci sarà bagarre…

IMG_2077

Solo poster

E’ stato difficile fare una selezione delle foto, avendole vissute in prima persona ci sono sembrate tutte da incorniciare

IMG_2435

A 60 kmh sotto il diluvio

Nessuna foto rende giustizia alla pendenza, ma se si mollano i freni si possono raggiungere velocità importanti, soprattutto se la pioggia compatta la cenere vulcanica rendendo il terreno ancora più veloce.

Gravity School Etna-9

Con la nebbia sei fottuto

Meglio il diluvio universale che la nebbia… Sull’Etna per ora è sempre andata bene, siamo scesi con le dita ghiacciate dopo un temporale a 2.600 m, con il sole, con il vento, ma quando ti trovi nel nebbione di Fantozzi armati di pazienza.

Gravity School Etna-10

Quell’attesa verrà ripagata…

La pazienza è la virtù dei forti e qui non sono ammessi sgarri o ansia. Abbiamo vissuto dei momenti in cui non riuscivamo a vedere la nostra ruota davanti

Gravity School Etna-15

Learn quick

Simone è alla sua decima raidata in mtb e alla sua prima volta sull’Etna: se ce l’hai dentro non ti ferma nessuno

Gravity School Etna-16

Vale tutto

Paolo Binarelli, per noi “il Binaz”, mentre cerca di sfuggire ai frequenti sottosterzi di questo terreno

Alla ricerca del vergine

Luca trova un canale illibato e non ci pensa due volte, Lucky lo segue poco dopo incrociando le “S”

IMG_3594

La tecnica

Gira la testa, apri il gomito e spingi con il ginocchio sul telaio, altrimenti non la tieni giù nelle driftate

Gravity School Etna-2

Action cam

Qualunque essa sia, è d’obbligo per farti risalire la scimmia quando sei rinchiuso in ufficio

DCIM100GOPRO

Ganci

La scorsa volta per caricare la bici si doveva smontare la ruota davanti, adesso ci sono dei comodi ganci

DCIM100GOPRO

Quando è secco

Se non piove da tempo la sensazione è diversa da quando è bagnato, il terreno tiene molto meno e chi ti precede alza una scia bellissima da vedere

DCIM100GOPRO

Guarda l’orizzonte

Mia mamma non è rimasta sorpresa da questa foto, poi le ho fatto notare la linea dell’orizzonte e mi ha detto: “ma voi siete pazzi!”

Gravity School Etna-17

La firma che la pioggia cancellerà

Sei galvanizzato di ciò che stai vivendo ma se ti guardi indietro ti spiace lasciare le tue tracce. No problem, il vento e la pioggia farà un “delete all”

Gravity School Etna-18

Non solo nero

Dipende da dove stai guardando, ma se alzi lo sguardo laggiù c’è Catania in tutto il suo splendore

IMG_2532

Trova i tuoi confini

Se scendi piano puoi spaziare dove ti pare, se molli i freni sei obbligato a curvare nei posti più impensabili. A manetta devi calcolare le traiettorie più rapidamente e non sempre ti riesce la cosa giusta

Gravity School Etna-21

Poi tutto cambia

Se in cima è tutto nero, mano a mano che scendi la natura cambia e ti regala fotografie uniche

Gravity School Etna-5

L’Etna crea dipendenza

E’ stato Piero, che dopo aver saggiato quel mare nero il venerdì, ha proposto il sabato sera un cambio di programma della Gravity School, che si stava svolgendo su tutt’altro terreno e con tutt’altra modalità. Si è messo ai voti, tutti hanno accettato e la domenica mattina al posto di fare i bicchierini (esercizio obbligatorio in tutte le Gravity School) la nostra direzione puntava ben più in alto. Grazie Piero… a nome di tutti!

Gravity School Etna-14

We were there

L’immancabile adesivo che marca un territorio, questa volta se l’è preso il Belladonna di Pedara (Ct), numeri uno, in tutto!

Gravity-School-Etna-24-def

L’inchino del Cav. Minati dinanzi a Sua Maestà

La dice lunga sul tipo di emozioni che si possono provare… Ringraziamo gli amici Etna Riders per la grande passione che ci mettono.

Video prima calata

Tutte le foto sono di Fabio Bottinelli

Azienda: Gravity School

E-mail: gravityschool@libero.it

Info: gravity-school.com; pagina Facebook; canale VIMEO

A proposito dell'autore

Una figura chiave nel panorama della mountainbike italiana e internazionale. La sua presenza spazia dall'essere giornalista, tester, testimonial, protagonista di un canale Vimeo seguitissimo e co-fondatore della Gravity School.