In un 2016 pieno di innovazioni, Bianchi ha deciso di impiegare la tecnologia Countervail per la prima volta nella storia su una mountain bike, realizzando la Methanol CV 29″ da cross country.

Bicicletta leggera, veloce e aggressiva, rappresenta un mezzo di gamma alta, utilizzato dai professionisti del Team Bianchi Countervail, tra cui il francese Stéphane Tempier, quinto ai recenti campionati mondiali, e Gerhard Kerschbaumer, iridato under 23 nel 2013.

un ciclista scende su un sentiero con una bianchi methanol cv

La Bianchi Methanol CV è la mtb di alta gamma dedicata al cross country.

Il Countervail, materiale in carbonio viscoelastico brevettato da Materials Sciences Corporation, consente di eliminare fino all’80% di vibrazioni, migliorando al contempo robustezza e rigidità del telaio.

Già usato in passato su diversi modelli di bici da strada (tutti quelli in cui compare la sigla “CV”), è stato recentemente riproposto anche sulla nuova bdc Oltre XR.4, da noi appena testata nella zona della Franciacorta.

particolari del telaio in carbonio della Bianchi Methanol CV 2017

La Bianchi Methanol CV è la prima mtb realizzata in Countervail, il carbonio viscoelastico grazie al quale vengono ridotte le vibrazioni fino all’80%.

Dettagli tecnici

La mtb Bianchi Methanol CV presenta un telaio in carbonio ad alto modulo, costruito in quattro misure differenti (15″, 17″, 19″ e 21″) e disponibile in tre colorazioni (nero/mamba opaco, nero opaco/nero argento lucido e celeste/nero opaco).

Oltre all’impiego del Countervail, l’altra grande novità è rappresentata dalla presenza del perno passante Boost con battuta sul posteriore di 148 mm rispetto ai classici 142 mm.

telaio, sospensioni e freni della Bianchi Methanol CV

La Methanol CV ha lo sterzo conico, i cavi sono integrati e il perno passante Boost con battuta sul posteriore inferiore di 6 mm rispetto alla norma.

In taglia M (17″), il tubo orizzontale è lungo 56,7 cm, l‘interasse 107,7 cm, l’angolo sterzo misura 71º e i foderi orizzontali sono di 42,9 cm. Il movimento centrale è di tipo PressFit 41×92 mm, i cavi sono integrati e lo sterzo è conico.

Inoltre il diametro del reggisella è di 27,2 mm, le ruote sono da 29″, è compatibile con il cambio elettronico Shimano Di2 ed è previsto l’attacco High Direct Mount con supporto deragliatore per chi volesse disporre di una doppia corona.

Tipi di montaggio

La Methanol CV è disponibile in sei diverse tipologie di montaggio, suddivise tra gruppi Sram e Shimano.

La Methanol 9.0 monta un gruppo Shimano Xtr Di2 (2x11v) con forcella Rock Shox RS-1 29″ e ruote DT Swiss XR1501 Spline 29″ (o, in alternativa, DT Swiss XRC1200 Carbon 29″).

bianchi methanol cv 9.0

La Bianchi Methanol CV 9.0 montata con il gruppo Shimano Xtr Di2 e forcella Rock Shox-1.

La Methanol 9.1 monta uno Sram XX1 Eagle (1x12v) con forcella Fox 32 SC 29″ Factory Kashima e ruote DT Swiss XR1501 Spline 29″ (oppure Crankbrothers Cobalt 11 29″ Carbon).

la mountain bike Bianchi Methanol CV 9.1

Il modello 9.1 è disponibile con ruote DT Swiss XR1501 Spline o XC1200 Carbon.

La Methanol 9.2 dispone invece di un gruppo Shimano Xtr (1x11v), forcella Fox 32 SC 29″ Factory Kashima e ruote DT Swiss XR1501 Spline 29″ (o DT Swiss XRC1200 Carbon 29″).

La Methanol 9.3 monta uno Shimano Xt Di2 (2x11v) con forcella Formula Thirty3 29″ e ruote Crankbrothers Cobalt 2 29″ (o DT Swiss XR1501 Spline 29″).

La Methanol 9.4 monta uno Sram X01/X1 (1x11v) con forcella Fox 32 SC 29″ Performance e ruote Crankbrothers Cobalt 1 29″ (o DT Swiss XR1501 Spline 29″).

mtb Bianchi Methanol CV 9.4

La Bianchi Methanol CV 9.4 monta il gruppo Sram X01/X1 monocorona e forcella Fox 32 SC.

Infine la Methanol 9.5 dispone di un gruppo Shimano Xt (2x11v) con forcella Fox 32 SC 29″ Performance e ruote WTB Kom i23 29″ (o DT Swiss X1700 Spline Two 29″).

Per maggiori info, visita il sito Bianchi.

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Ha gareggiato per diverse stagioni nel mondo dell'atletica leggera come velocista prima di dedicarsi al ciclismo amatoriale. Grande appassionato di storia e di cultura sportiva, ha intrapreso la carriera giornalistica dopo la laurea in Lettere e ha fondato il team dilettantistico Fondocorsa assieme ad alcuni amici. In estate potreste trovarlo su Stelvio e Gavia, ma la salita non è proprio la sua specialità migliore.

  • leoncino sandro

    con tutto rispetto del grande marchio trovo queste colorazioni orribili da vecchietti anni 60 solo per questo non comprerei mai bianchi non hanno neanche evoluto il telaio con tecniche avanzate tipo iso speed di trek