Mavic ha attrezzato il suo catalogo di una linea enduro molto completa e oltretutto accattivante dal punto di vista estetico. Dai caschi, all’abbigliamento, fino a queste scarpe mtb enduro Crossmax che si rivelano le scarpe da enduro più interessanti che abbia avuto il piacere di provare.

Le aziende fanno ormai a gara per garantirsi il contributo allo sviluppo dei loro prodotti degli atleti migliori sul campo; così come Cedric Gracia che ha sviluppato le scarpe della Northwave, la Mavic può contare sull’esperienza di due rider del calibro di Jerome Clementz e Fabien Barel.

Come sono fatte le Crossmax XL Pro

I materiali e la costruzione di queste scarpe mtb enduro sono tra i più ricercati tra quelli offerti in questa gamma dalle altre marche. Siamo abituati a vedere le scarpe da mtb con la tomaia saldata o incollata, ma le Mavic Crossmax vanno oltre: le parti della scarpa sono cucite insieme.

È facile desumere come questo tipo di costruzione conferisca alla scarpa un più solido ma anche rassicurante aspetto, oltre ad una longevità superiore rispetto alle convenzionali scarpe che vedono le varie parti di materiale incollate.

Le tomaie sono quasi interamente costituite da pelle sintetica in mesh 3D imbottita e traspirante, rinforzata anche in settori critici come nella parte posteriore del tallone. La suola in Contagrip© è realizzata con una mescola in gomma molto morbida e modellata in modo che faciliti l’uso in camminata, mentre la parte che va a contatto col pedale risulta rigida, così da permettere una efficiente pedalata.

Il rivestimento nella particolare tomaia in rete che avvolge tutta la scarpa aiuta il piede a rimanere fresco e ventilato senza peraltro consentire all’acqua di infiltrarsi facilmente.

Caratteristiche:

• Tomaia: pelle sintetica con inserti in mesh 3D traspirante
• Tallone e punta rinforzati Ergo Lite Toe Cap
• Sistema Quick-Lace per ancorare il collo del piede.
• Cricchetto di chiusura Ergo Ratchet con leva di sblocco flip-up
• Suola in gomma Contagrip® con rinforzo in nylon flessibile
• Linguetta Ergo 3D
• Suola Energy Grip Trail
• Inserti doppia densità in schiuma OrthoLite® antimicrobici
• Soletta Ergo Fit Ortholite®

Peso: 494 grammi (taglia 44)

All’interno della scarpa, la lingua in mesh 3D imbottito rende la calzata abbastanza confortevole. Come la maggior parte delle scarpe da mtb/strada di livello professionale, Mavic utilizza come fibbia di chiusura un cricchetto denominato Ergo Ratchet che mantiene il piede fermo all’interno della scarpa. Una piccola linguetta, che occupa una minima superfice del cricchetto, adempie al rilascio della fibbia.

Il Sistema Quick-Lace si serve di lacci fissi e permette di regolare con precisione la misura sul collo del piede e adattare la parte anteriore della scarpa in maniera da tenere bloccato il piede senza sacrificarlo. In questo caso la chiusura del sistema è garantita da una fibbia intelligente in plastica che rilascia i lacci quando tirata e viceversa.

Una protezione con chiusura velcro protegge i lacci. La punta della scarpa è avvolta da un inserto in plastica a doppia densità che assolve alla duplice funzione di proteggere le dita dagli urti anteriori e mantenere stabile il piede. Nella parte posteriore della scarpa è aggiunta una fascia in morbido neoprene che copre la parte bassa della caviglia e funge anch’essa da protezione. La soletta è un ergonomica e promettente Ergo Fit Ortholite®.

Le colorazioni disponibili di queste Crossmax XL Pro sono due: nero e giallo, tipico del marchio Mavic, e un più serioso nero.

La prova della Crossmax XL Pro

foto delle scarpe mavic crossmax xl

Il sistema di chiusura anteriore con i lacci Quick Lace e l’aletta di protezione aperta.

Innanzitutto devo raccomandare la misura esatta di questa scarpa: queste scarpe da mtb offrono abbastanza spazio di movimento del piede da non esigere una mezza misura in più (e oltre, con alcuni marchi), pertanto prendetele della misura abituale del vostro piede.

Di solito quando testo le scarpe ho bisogno un periodo abbastanza lungo di rodaggio, ma per questa scarpe da mtb enduro non è stato necessario: messe ai piedi si sono dimostrate confortevoli come un paio di sneaker.

Certo il peso – circa 500 grammi a scarpa – non è dei più leggeri, e sacrifica la camminata, ma la destinazione d’uso e i materiali lo giustificano pienamente.

Il posizionamento delle tacchette è estremamente facile da effettuare perché l’azienda transalpina ha dotato la suola di un slitta su cui far scorrere le cleats ed inoltre intorno c’è sufficiente spazio per le manovre di regolazione millimetrica.

Appena calzate le scarpe mtb enduro Crossmax XL Pro risultano avvolgenti e comode, grazie alle imbottiture sia sul collo del piede che alla caviglia e ad alla soletta ergonomica; le chiusure sull’anteriore con lacci e con cricchetto distribuiscono la pressione sul piede in maniera omogenea.

Inizialmente si sente come se la scarpa fosse troppo grande, soprattutto per i biker che sono abituati alle scarpe da XC o strada. Dopo le regolazioni di chiusura invece il risultato è una scarpa che rimane confortevole per ore e ore, che è esattamente ciò che un rider da enduro – e non solo – cerca.

Caratteristica che trovo confortevole più delle altre scarpe da mtb enduro è l’altezza inferiore della parte posteriore e il collarino in neoprene imbottito, per chi soffre di tendinite al tallone è un toccasana. Inoltre è una protezione in più per eventuali urti o incontri accidentali con pietre…

Il sistema di chiusura del cricchetto Ergo Ratchet è preciso ed efficiente nella regolazione in chiusura mentre non è così intuitivo nel rilascio: la levetta è tanto piccola e mimetizzata nel blocco di serraggio che difficilmente lo si trova con i guanti indossati.

Avrebbe aiutato se Mavic avesse pensato di farla di un colore diverso dal cricchetto.
Anche la chiusura anteriore Quick-Lace è molto efficiente ma poco intuitiva nell’uso, il sistema risulta essere un po’ macchinoso. Tuttavia, dopo un paio di uscite ci si fa l’abitudine.

Dopo un paio di pedalate, e soprattutto energiche, emerge che la suola non è estremamente rigida come le scarpe da XC, anzi flette un po’ mantenendo così un feeling diverso col pedale e dando la sensazione di essere un tutt’uno con quest’ultimo.

La relativa flessibilità della suola si fa però sentire in camminata: la soletta Ergo Fit Ortholite® non riesce a dare alla pianta del piede tutto il comfort richiesto soprattutto in corrispondenza delle tacchette che praticano un’elevata pressione in corrispondenza della parte anteriore del piede.

Ovviamente queste scarpe da mtb enduro sono nate e destinate per essere usate in coppia con pedali a base larga – come i Mavic Crossmax SL Pro (di cui presto leggeremo il test) o come gli HT X1 o i nuovi HT T1 specifici da enduro- con cui esprimono il meglio di sé. Un grande vantaggio che la suola offre è il fatto di avere molto spazio intorno alle tacchette, soluzione che facilita estremamente l’aggancio ai pedali.

L’interno della scarpa è abbastanza confortevole, si può decidere se mantenere il piede più fermo possibile serrando i Quick-Lace e ottenendo così un controllo più diretto della pedalata, oppure allentare i lacci permettendo al piede di muoversi quel poco che basta per avere più comfort.

In ogni caso anche se le chiusure sono strette al massimo il tallone riesce a sollevarsi e avere “gioco” e questo favorisce l’assecondamento dei naturali movimenti del piede in discesa oltre a dare libertà al piede nella camminata.

Conclusioni

Vi devo confessare che avrei preferito le più eccentriche Crossmax nel classico colore Mavic giallo e nero. Le trovo più adatte all’enduro, esteticamente, è ovvio. E poi la colorazione così sgargiante alleggerisce un po’ il peso, anche se solo all’occhio, di queste scarpe mtb enduro. Ma la bellezza è una cosa soggettiva, quindi…

Le finiture sono molto curate, le tomaie cucite conferiscono robustezza a queste scarpe e i materiali sembrano pure resistenti, anche se il collarino in neoprene alla caviglia e il puntale in plastica hanno subito urti e abrasioni che ne hanno pregiudicato l’integrità.

Un aspetto determinante nella valutazione complessiva di questa scarpa Crossmax XL Pro è sicuramente la comodità che ne fanno un accessorio utile a chi fa enduro.

La rigidità della suola è un compromesso che personalmente ho gradito molto: né troppo flessibile, come delle scarpe con suola flat, né troppo rigida, come scarpe XC, da vera e propria scarpa da mtb enduro.

Sulle chiusure il giudizio è alterno: ottime nel complesso anche se l’appunto da fare è sul rilascio del cricchetto poco intuitivo e introvabile con i guanti. Se almeno Mavic lo avesse realizzato in colore diverso dal nero (giallo o bianco?) sarebbe stato individuabile alla vista.

Per chi le acquista online, sul sito Mavic trova una utilissima tabella con tutte le taglie disponibili (dalla 38 alla 48 2/3, un record) e la corrispondente misura del piede in centimetri. Le scarpe Crossmax in prova sono del catalogo Mavic 2015, sostanzialmente uguali al modello 2016.

Complessivamente, anche se qualche cedimento lo hanno subito nei materiali, le trovo delle ottime scarpe mtb enduro da utilizzare in gara e per lunghe escursioni all mountain.

Per avere dei paragoni con altre scarpe testate da mountainbike.bicilive.it qui i seguenti link:

Five Ten Maltese Falcon Race

Scott ATR Lady

Scott Trail Boa Evo

Northwave Matrix

Northwave Spider 2 Plus

La chicca

Puntale in plastica, suola adatta all’enduro, comodità, ventilazione

La pecca

Il rilascio del cricchetto, peso sopra la media

 

Test Mavic Crossmax XL Pro: una scarpa davvero "enduro"
Estetica7
Comfort8
Chiusure8.5
Grip/Suola8.5
Impermeabilità/Traspirabilità9
Qualità dei materiali/Durata8
prezzo
  • 165 euro
8.2Il nostro voto
Voti lettori: (4 Voti)
8.3

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Da sempre un grande appassionato di natura e bici e accanito difensore dell’ambiente. Lavora come organizzatore di bike tour con il suo Coast2Coast in tutta l'area del Mediterraneo, inoltre da anni collabora come freelance per alcune delle più importanti riviste di mountain bike italiane.