Affrontare una discesa nei boschi in mountain bike sembra facile: “in discesa non si fa fatica” è il luogo comune che prevale su chi guarda da fuori o si avvicina al nostro sport, che sia XC, trail riding, enduro o downhill.

In realtà per scendere in sicurezza è fondamentale avere una postura corretta sulla mountain bike. Essere morbidi, attivi e ben bilanciati sulla propria bici, muscolare o elettrica che sia, è la chiave per divertirsi e per prevenire eventuali cadute.

Rimanere rigidi e passivi sul mezzo purtroppo fa solo aumentare il rischio di caduta e fa sembrare il trail molto più difficile di quello che in realtà sia.

Foto di un rider MTB nella postura base

Ecco la postura “base” utile da mantenere quando il trail è liscio e la velocità è bassa. Gomiti leggermente aperti, sguardo avanti, gambe “scariche”: lavorano molto le caviglie.

In questo articolo andremo a vedere nel dettaglio alcuni consigli utili volti al miglioramento della postura e degli esercizi mirati per ogni articolazione coinvolta.

Provate a sperimentarne uno per uno, in modo tale da percepire la differenza che questo apporta durante la guida; una volta presa coscienza del cambiamento, passate allo step successivo.

Pronti? Si comincia!

Foto di un rider con i piedi sui pedali di una mtb

Nella posizione di base i piedi devono avere i talloni bassi, la caviglia è rilassata.

Postura corretta in MTB: la posizione dei piedi

Partiamo dalle basi, dalle fondamenta del nostro sistema rider-bici: i piedi e i pedali e facciamo subito una distinzione tra pedali a sgancio e pedali liberi o “flat”.

È sempre meglio iniziare con i pedali flat, liberi, e acquisire una buona tecnica, ma sia che scegliate uno o l’altro, la parte che poggia sul pedale è l’avampiede, ovvero la zona anteriore del piede e non la parte centrale. Attenzione a non posizionarlo neanche troppo in punta, si andrebbe a far lavorare troppo la caviglia.

La cosa più importante è che una volta in piedi sui pedali, il tallone deve essere più basso della punta del piede in modo tale che durante la discesa si crei grip e aderenza sui pin dei pedali (se usiamo dei pedali flat) ma soprattutto che la caviglia sia morbida per poter fungere da primo filtro che assorbe le asperità del terreno.

Foto di un rider in posizione aggressiva sulla sua mtb

Una volta trovata la posizione con le pedivelle parallele al terreno, è ora di cercare il bilanciamento.

Immaginate di caricare il 40% del vostro peso sul piede anteriore e il 60% su quello posteriore.
In questo modo lavoreranno meglio anche le sospensioni.

Come afferma anche Claudio Riotti, redattore e tester di Bicilive.it nonché guida MTB e istruttore federale: “anche nelle discese più ripide il bilanciamento del rider dovrebbe idealmente restare centrale; ciò è necessario per mantenere il peso sull’anteriore per avere grip e potenza frenante sulla ruota davanti. Quest’ultima è da considerare come il nostro “timone”: se lasciamo andare il timone, ovvero arretriamo troppo in fuorisella e non mettiamo peso sull’avantreno, la bici andrà dove vorrà lei.

Foto di un rider in posizione aggressiva sulla sua mtb

Questa invece è la postura aggressiva da usare ogni volta che il trail si fa impegnativo oppure siamo in “staccata” (frenata) prima di una curva: Gambe flesse, peso centrale, sguardo avanti e gomiti larghi.

Postura corretta in MTB: ginocchia flesse

Vietato tenerle bloccate, vanno sempre piegate perché devono servire come sospensioni. Cercate di assorbire più possibile le irregolarità del trail che state percorrendo, spingete la bici in basso negli avvallamenti estendendo le ginocchia e piegatele quando dovete oltrepassare una gobba o un ostacolo assorbendoli come farebbe uno sciatore.

Un allenamento che consiglio sia per la tecnica che per il condizionamento fisico è la pumptrack, ottima per apprendere e sfruttare al meglio questo tipo di movimento.

Foto di un rider che frena su un pendio su una MTB

In frenata è consentito un leggero arretramento ma attenzione a non scaricare l’anteriore!

Postura corretta in MTB: posizione del bacino

Specialmente nella frenata, per evitare di sovraccaricare l’articolazione delle ginocchia e per non avere il baricentro troppo spostato in avanti, è utile portare leggermente il bacino verso la ruota posteriore: facendo ciò favoriremo l’attivazione degli hamstrings (i muscoli posteriori della coscia) e dei glutei, che sono muscoli grandi e forti e possono spingere la bici verso il terreno per farla aderire ancora di più, oppure possono aiutarvi a “pompare” il mezzo sulle asperità.

Come tutte le altre articolazioni il bacino non rimane sempre nella stessa posizione durante una discesa, per esempio su un drop o su un salto preso in velocità deve essere portato leggermente più indietro per una frazione di secondo, così come su un tratto ripido per evitare un over the bar (Vedi articolo sulle cadute) ma non troppo, pena sempre l’alleggerimento dell’anteriore.

Foto di un ciclista su una MTB

Le spalle devono restare rilassate anche se le braccia sono attive e stiamo facendo presa sul manubrio.

Postura corretta in MTB: le spalle

Se avete posizionato correttamente il bacino vi sarete sicuramente accorti che il livello delle spalle si è abbassato.

Oltre che avere il baricentro più spostato verso terra e quindi più gestibile in ogni situazione, l’articolazione della spalla assume una postura in grado di far lavorare meglio le braccia e quindi esprimere più forza, coinvolgendo anche i muscoli dorsali. A riguardo vi consigliamo l’articolo “allenare la presa in MTB” con una serie di esercizi molto utili.

Attenzione a lasciare le spalle basse e rilassate nei tratti tecnici o in sezioni che ci mettono alla prova, l’istinto è quello di irrigidirsi e fare “la tartaruga” alzando le spalle, bloccando purtroppo l’articolazione.

Foto di un rider in discesa su una mountain bike

I gomiti sono sì larghi ma la posizione deve rimanere naturale.

Postura corretta in MTB: i gomiti

I gomiti non devono essere “sparati fuori” come spesso si sente dire. Esagerare questo movimento significa portare in intrarotazione l’omero, quindi stressare notevolmente l’articolazione la spalla.
Ciò ci impedisce di esprimere al massimo la forza e quindi aumenta anche il rischio di infortunio.

Ovviamente anche tenerli stretti verso il corpo comporta una riduzione del controllo della ruota anteriore dato il minor coinvolgimento di muscoli e una leva svantaggiosa.

Detto ciò, i gomiti devono lavorare più o meno in linea con i polsi.

Claudio Riotti suggerisce: “provate a immaginare di dover spingere una macchina che non parte, appoggiando le mani sul baule. La posizione che assumete con le braccia in questo caso è la stessa che andrebbe mantenuta sulla bici, né troppo larghi e né troppo stretti.

Foto di un rider su una discesa in sella a una mtb

Lo sguardo avanti è una delle regole fondamentali. In discesa lo è anche abbassare la sella, serve per abbassare il baricentro e avere più controllo e sicurezza.

Postura corretta in MTB: lo sguardo

Inutile dire che non bisogna guardare a un metro dalla ruota: più aumenta la velocità e più è necessario guardare lontano per anticipare gli ostacoli, quindi sforzatevi di cercare con lo sguardo le traiettorie e gli eventuali ostacoli anche se li vedete ancora lontani.

Non fissatevi però su questi ma “registrateli” e subito tornate a guardare avanti, altrimenti saranno come delle calamite che vi attireranno (il classico detto “se guardi l’albero, prendi l’albero”).

Esercizi per migliorare la postura in MTB

Vediamo ora alcuni esercizi di rinforzo utili a gestire al meglio la posizione sulla vostra MTB.

Esercizi per i piedi

Per l’articolazione della caviglia andremo a effettuare una flesso/estensione del piede.

Foto di un esercizio per le caviglie

Appoggiate solamente gli avampiedi su un gradino, quindi iniziate portando i talloni più possibile verso il basso fino a sentire un leggero allungamento a livello del polpaccio; raggiunta questa posizione spingete sugli avampiedi portando i talloni più in alto che potete.

Eseguite 3 serie da 15 ripetizioni, se vi sembra molto facile potete incrementare la difficoltà svolgendo l’esercizio con un piede solo (raddoppiando quindi il carico).

Foto di un esercizio per le caviglie a corpo libero

Esercizi per le ginocchia

In mountain bike le ginocchia difficilmente sfruttano tutto il loro arco di movimento quindi andremo ad eseguire uno “Squat Pulse”.

Foto di un esercizio per gambe

Posizionatevi come se doveste affrontare uno squat normale, quindi “piedi larghezza spalle” con le punte leggermente rivolte verso l’esterno e il carico su tutta la pianta del piede.

Foto di uno squat pulse per le gambe

Iniziate il movimento portando il sedere verso il basso/indietro fino ad avere il bacino poco più in alto delle ginocchia, quindi fate dei piccoli movimenti di circa 10 cm su e giù.

Foto di uno squat pulse visto da davanti

Fate 3 serie da 30″, cercate di attivare tutta la muscolatura degli arti inferiori quindi glutei, quadricipiti e muscoli posteriori della coscia detti bicipiti femorali.

Nella foto ho utilizzato un bilanciere scarico; il peso è a vostra discrezione, anche negli esercizi seguenti.

Foto di uno squat pulse frontale

Esercizi per il bacino

Il bacino è il fulcro principale del nostro corpo. L’esercizio che consiglio di svolgere per rinforzare maggiormente questo distretto anatomico è lo stacco da terra. Potere utilizzare sia un bilanciere che dei manubri.

Partite posizionando i piedi leggermente più stretti rispetto allo squat, impugnate il bilanciere, immaginate di volerlo “rompere in due” (così facendo attiverete la cuffia dei rotatori delle spalle), pensate a portare in fuori il petto e indietro le spalle (la vostra schiena manterrà le sue curve fisiologiche).

foto di uno stacco da terra in fase iniziale

Ora sollevate il peso cercando di tenervi più vicino possibile il bilanciere, controllate bene la discesa senza lasciarvi andare.

Foto di uno stacco da terra in posizione alta

Esercizi per le spalle

Quale migliore esercizio dei classico piegamento sulle braccia? Assumente la posizione di plank a braccia completamente distese e con le mani leggermente più larghe delle spalle, parete addominale attiva, scapole lontane tra di loro (ovvero abdotte).

Iniziate la discesa portando il petto verso il pavimento, gomiti perpendicolari ai polsi, sfiorate il pavimento e spingetevi poi lontano da esso tornando alla posizione di partenza.

Foto di un rider che esegue un plank

Per adattarlo a una situazione di riding potete guardare davanti a voi ma senza iper-estendere il collo.

Se volete qualche spunto in più vi consigliamo l’articolo piegamenti sulle braccia e varianti.

Foto di un piegamento sulle braccia

Esercizi per i gomiti

Oltre che a spingere il manubrio in mountain bike, in molte situazioni bisogna anche tirarlo verso di noi quindi andremo a vedere un esercizio di tirata per gli arti superiori.

Foto di un ragazzo in posizione per lo stacco

Rematore: assumete la posizione dello stacco da terra con il bilanciere appena al di sopra delle ginocchia, tiratelo con la braccia fino alla base dello sterno e poi tornate lentamente alla posizione di partenza.

In questo esercizio è molto facile perdere la postura corretta, quindi concentratevi sulle braccia ma anche a tenere bene attivati i muscoli erettori della colonna e i muscoli posteriori della coscia.

Foto di una remata al petto con bilanciere

La postura corretta da discesa in MTB: raccomandazioni

Raccomando sempre di eseguire gli esercizi in sicurezza, di fermarsi immediatamente in caso di dolore e di partire da un carico molto facile quindi gestibile.

È sempre meglio svolgere una serie con poco peso ma con una tecnica di esecuzione corretta.

Col tempo diventerà più facile anche replicare queste posture e queste attivazioni muscolari sulla nostra bici, così da trarre il massimo beneficio da questi esercizi che consigliamo quindi di inserire in una routine settimanale o al massimo mensile.

Fateci sapere nei commenti cosa ne pensate e buone pedalate!

Articolo realizzato per BiciLive.it da Roberto Monfredini Costa con la collaborazione di Claudio Riotti.

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Il primo network dedicato interamente alla bicicletta e a tutte le sue forme: dalla mountainbike alla strada, dalla e-bike alla fixed, dalla bici da bambino alla bici da pro.