Shimano propone una nuova cassetta 11 velocità per mtb con un range 11-46. Perché usare una rapportatura così ampia nel pacco pignoni posteriore? Quali sono i vantaggi che possono derivarne?

Cercheremo di spiegarlo in questo articolo, anche se si tratta di un’anteprima 2017 di cui non abbiamo ancora immagini e specifiche. Seguirà naturalmente un approfondimento e un test dei nuovi componenti appena saranno disponibili.

Cassetta mtb 11-46: a cosa serve?

La Cassetta CS-M8000 11-46 è una novità 2017, al momento si tratta di un’anteprima di cui si conosce solo il peso, 450 grammi, non tra i più leggeri, e la compatibilità con gli attuali gruppi Shimano Deore XT e XTR in configurazione 1×11.

Al momento mancano ancora immagini e specifiche.

Il peso è simile alla cassetta 11-42 XT (447g) mentre la XTR 11-40 è la più “light” in casa Shimano con 331 grammi. Per informazione ricordiamo che la cassetta Sram XX1 e X01 10-42 fermano l’ago a 265 grammi ma necessitano di corpetto ruota libera dedicato XD, mentre le Shimano si possono montare su un corpetto normale e quindi su qualsiasi mozzo.

La coperta si allunga?

Il famoso paragone con la “coperta troppo corta” coniato con i primi sistemi 1×11 a questo punto potrebbe cambiare? Sì e no, dipende dalla corona anteriore che montiamo: a parità di denti (30T) la cassetta 11-46 a più vantaggiosa di quella 11-42; montando una 32T resta ancora più efficace sia in salita che in discesa, ma con una 34T in salita faticheremo di più, vediamo nel dettaglio.

Con cassetta 11-42 e corona 30T:

30-11= 5,97 metri di sviluppo. 30-42 = 1,56 m di sviluppo.

Con cassetta 11-46 e corona 32T:

32-11= 6,37 m di sviluppo. 32-46 = 1,52 m di sviluppo: più vantaggiosa in salita e discesa

Con cassetta 11-46 e corona 34T:

34-11 = 6,76 metri. 34-46 = 1,61 m di sviluppo: Più vantaggiosa in discesa ma non in salita

Nota: circonferenza ruota 27,5″ = 2,190 metri (valore “campione” di una gomma larga 2,1″: dipende poi dal tipo di copertura usata e pressione di esercizio)

La progettazione e lo sviluppo di un range più ampio di rapporti da parte di Shimano sembrerebbe quindi soddisfare maggiormente chi apprezzi la salita e abbia bisogno di un rapporto ancora più agile mantenendo una corona da 30T: infatti 30-46 = 1,42 metri di sviluppo, che è ancora più vantaggioso di una classica trasmissione doppia con “rampichino” 36/24T e cassetta 11-36 (24-36 = 1,46 m di sviluppo). Con una 32T si ottengono benefici in entrambe le situazioni, mentre col 34T è in discesa che si può spingere maggiormente.

La comodità del pacco pignoni 11-46 sta nel fatto di non dover cambiare il corpetto ruota libera come invece avviene per ile cassette della concorrente Sram, la prima a lanciare sul mercato e a credere fortemente nell’1×11. Quello di Sram resta comunque un sistema che sì necessita di un corpetto dedicato XD ma, grazie al pignone più piccolo da 10T, si presenta ancora il più vantaggioso in discesa come sviluppo metrico (30-10 = 6,57 m di sviluppo contro i 5,97 di Shimano col 30-11).

Considerazioni a parte, l’avvento di cassette di ultima generazione come la nuova M-8000 11-46 permette ai progettisti di creare schemi di sospensione non più vincolati al deragliatore e alla doppia corona anteriore, per una miglior resa dei sistemi ammortizzanti e prestazioni superiori per le nostra mtb..

Si presuppone che i cambi Shimano siano già compatibili con il 46T posteriore ma solo dopo un test dettagliato potremo esprimere un giudizio oggettivo sulla precisione di cambiata, la durata e la famigerata usura del pignone più grande, punto migliorabile di quasi tutti i sistemi 1×11.

Quick Link

disegno del quick link di Shimano e del profilo delle corone

 

Tornando alle nuove uscite, per garantire maggiore flessibilità e comodità Shimano introduce la falsa maglia a sgancio rapido anche sulla catena 11 velocità.

È pensata per le riparazioni “al volo” sui sentieri dato che non necessita di attrezzi per essere aperta, anche se è comunque disponibile uno specifico attrezzo professionale per questa esigenza, il TL-CN28.

Corone Dynamic Chain Engagement

Le corone XTR e Deore XT 1×11 sono state sviluppate grazie agli studi sul campo effettuati con i migliori piloti di Coppa del Mondo nel cross country e i tester di Shimano, passando dalle condizioni polverose di America e Sud Europa al fango estremo e il freddo del Nord Europa.

Un obiettivo su tutti è la gestione efficiente della catena e la risposta arriva dal nuovo concetto Dynamic Chain Engagement (DCE). Il profilo modificato dei denti delle nuove corone XTR (SM-CRM91) e DEORE XT (SM-CRM81) porta meno rumorosità, maggior durata e soprattutto una ritenzione della catena superiore.

La XTR presenta denti in alluminio rinforzato mentre la XT punta sulla durata con un profilo di denti in acciaio.

Altre novità

foto della guarnitura doppia XT

La pedivella Dyna-Sis FC-MT700 34-24T presenta la tecnologia HOLLOWTECH II con braccio cavo e alleggerito.

Arriva anche una nuova possibilità di rapportature per i sistemi 2×11 e il 3×10, un nuovo freno idraulico entry level M365 e M315 e un nuovo sistema di fissaggio per i freni a disco studiato per semplificare le operazioni di montaggio e smontaggio.

Vi aggiorneremo non appena Shimano fornirà ulteriori immagini e dettagli.

Per informazioni: Shimano.eu

A proposito dell'autore

Patito delle due ruote fin da bambino, bmx, motocross, le prime mtb. Dal 2007 sui campi di gara enduro e downhill in tutta Italia, dal 2013 è istruttore di mountain bike presso www.gravity-school.com. Con BiciLive fin dall'inizio, la bici è il suo pane quotidiano!